LA SPESA AL SUPERMERCATO

Procedura per l'uomo medio:

1. Entra a colpo sicuro nelle porte automatiche scorrevoli.
2. Ruba un carrello alla prima donna in catalessi davanti ad una vetrina.
3. Segue le indicazioni delle frecce per il supermercato.
4. Legge la lista della spesa (che comprende cinque voci, di cui le prime tre sono patatine, birra e cioccolata).
5. Mette nel carrello la metà delle spese elencate nella lista.
6. Raggiunge le casse.
7. Paga.
8. Esce.

Procedura per la donna media:

[NB: si è volutamente tralasciata la lunga parte relativa al trucco e alla cerimonia di vestizione stile "devo andare a un gala"...]
1. Vuole entrare a tutti i costi dalle uniche porte scorrevoli non funzionanti...
2. Segue il primo uomo che arriva imitando da che parte entra.
3. Ingaggia una lotta col fango con altre tre donne che hanno avvistato il medesimo carrello.
4. Trova la prima superficie riflettente e si dà una sistemata: controlla stato dei graffi sul viso, messa in piega, si cambia la camicia strappata.
5. Segue le indicazioni per la gioielleria.
6. Si ferma per dieci minuti davanti alle vetrine in rispettoso silenzio.
7. Esce dalla trance e segue le frecce "Calzature e borse".
8. Entra nel negozio.
9. Prova tutti i modelli di scarpe e borse disponibili (anche i numeri non suoi).
10. Non acquista niente e si lascia alle spalle una montagna di scatole aperte (e un commesso in lacrime).
11. Esce.
12. Segue le indicazioni "Abbigliamento".
13. Si tiene in allenamento squadrando da cima a fondo tutti i difetti delle altre donne: le boccia regolarmente tutte ("La minigonna alla sua età!", "Che vacca!", "Non ha stile!", "Ma quanto è truccata!", ecc.).
14. Pausa per incipriamento naso.
15. Intravede la vetrina delle pellicce.
16. Si auto-convince psicologicamente a superare la vetrina (anche perché è luglio).
17. Avvista la profumeria.
18. Entra.
19. Riesce ad acquistare a caso profumi, gel anticellulite, rossetti di colori mai uditi prima, fard, fondotinta e altri accessori in offerta.
20. Richiede, insieme agli acquisti, campioncini gratuiti di varia e indispensabile utilità.
21. Paga con la carta di credito (del marito).
22. Esce.
23. Si appropinqua a un altro negozio di abbigliamento.
24. Entra.
25. Trance.
26. Per essere sicura di vedere bene i colori si fa accompagnare fuori alla luce del sole almeno trenta volte.
27. Si impietosisce solo a seguito di collasso con stramazzamento al suolo della persona che la sta servendo nel negozio, capisce che è il caso di acquistare qualcosa e si presenta alla cassa con un paio di collant.
28. Esce.
29. Torna indietro perché ha lasciato sul bancone il resto.
30. Segue le frecce "Alimentari".
31. Entra con il fiatone nel reparto perché leggermente in ritardo...
32. Punta come un missile patriot sul bersaglio: le offerte (paghi quattro prendi due...).
33. Mette nel carrello tutto quello che ci entra e/o che luccica e/o che reca la scritta "offerta".
34. Paragona i prezzi di prodotti diversi (zucchine col detersivo, ecc.).
35. Mette nel carrello quello scaduto.
36. Con la scusa di acquistare dei Findus infila la testa nel freezer.
37. Prestando attenzione a non incollarsi le labbra su qualche surgelato riesce a rinnovare il rossetto sulle labbra.
38. Raggiunge le casse.
39. Paga e trasale.
40. Esce.
41. Si avvia fuori dal centro commerciale allo spegnimento delle ultime luci.
42. Cerca disperatamente dove ha lasciato la propria vettura, percorrendo il parcheggio semideserto per quattro volte.
43. Avvista l'auto dopo esserci passata davanti solo due volte.
44. Parte di gran carriera alla volta della propria abitazione prima che la famiglia sporga denuncia.
45. Fa retromarcia e recupera le borse della spesa.
46. Finalmente riparte

Il carabiniere e la prostituta

Un giovane carabiniere bussa alla porta di una nota casa dove lavora una prostituta. L'avvenente signora apre e chiede per la prestazione 100 euro. Il giovane carabiniere risponde: "E' troppo per me, ti prego fammi uno sconto!".
La signora: "OK visto che sei giovane e carino facciamo 50 euro".
Il carabiniere: "Mi sono appena arruolato; e' troppo" e la signora via via sconta fino ad arrivare a 10 euro, allorche' il giovane carabiniere dichiara che e' ancora troppo e lei di rimando: "Ma quanto hai in tasca?" e il carabiniere: "Ho 5 euro!". Indignata la prostituta ribatte: "Con 5 euro puoi andarti a fare una sega" e gli sbatte la porta in faccia. Dopo 10 minuti la signora sente nuovamente bussare ed aprendo la porta trova il carabiniere un po' affaticato che gli porge 5 euro e se ne va.


Due carabinieri e due ubriachi

Due ubriachi escono dall'osteria e ognuno decide di  tornare  a casa propria per smaltire i fumi della sbronza. Il primo  ubriaco entra in casa propria e, vedendosi riflesso nello specchio  dell'ingresso,  corre giu' a chiamare l'amico:  "Pietroooo! Pietroooo! Corri  !  Ho i ladri in casa !". Pietro lo sente e corre verso  di lui:  "Adesso vengo li' e gli spacchiamo la faccia !". Corrono  su per  le scale aprono la porta e la richiudono subito: "Cacchio, sono  in  due ! Andiamo a chiedere rinforzi !".  Sono in  strada  e passa una macchina dei carabinieri: "Ferma ferma ! Ci sono i ladri in casa mia !".  I carabinieri si fanno portare sul posto ed uno di loro  sale  verso l'appartamento coi due ubriachi, da'  un  calcio alla  porta  per aprirla e poi la richiude subito esclamando: "C'era gia' un collega sul posto...".


I carabinieri e l'elicottero

Due carabinieri restano fermi nel cortile a guardare un elicottero che e’ fermo in aria sulla loro caserma. Ad un certo punto arriva il maresciallo: "Ma che cacchio fate da venti minuti li' impalati con il naso in su?". Ed i carabinieri: "Niente signor maresciallo, stavamo preoccupandoci per la presenza di quell'elicottero, e’ li’ da mezz'ora e non va ne’ avanti ne’ indietro". Pronto il maresciallo ribatte: "Cretini, non vedete che e’ finita la benzina?!"


Un maresciallo dei carabinieri chiama l'appuntato

Un maresciallo dei carabinieri chiama l'appuntato: "In questa mano ci sono 5 Euro per le sigarette e in quest'altra 5 Euro per l'accendino: vai dal tabaccaio e comprameli". L'appuntato prende i soldi, 5 Euro nella mano destra, 5 Euro nella mano sinistra. Passa un'ora. Passano due ore. Dopo tre ore l'appuntato torna tutto mogio: "Marescia', davanti al tabaccaio dimenticai quali fossero le 5 Euro delle sigarette e quali le 5 Euro dell'accendino! Nulla comprai!". Il maresciallo, adirandosi assai: "Imbecille, sciagurato! Ma come sei fatto in quella zuccaccia!? Dopo tre ore, come pensi mi possa ricordare io?!?".

Un coniglio va dal droghiere

Un coniglio va dal droghiere: "Ce l' hai le carote?". E il droghiere: "No". Il giorno seguente: "Ce l'hai le carote?". "No!". Il giorno dopo ancora: "Ce l'hai le carote?". "Il droghiere spazientito: "Ti ho già detto di no!!!". E infine, il mattino successivo: "Ce l'hai le carote?". "Senti... se entri un'altra volta a chiedere le carote prendo martello e chiodi e ti appendo per le palle al muro!!!". Al che il coniglio, il giorno successivo: "Ce li hai i chiodi???". "No!". "...e le carote???"

 

Il canguro allo zoo

In uno zoo c'e' un canguro che continuamente scappa dal suo recinto. Succede molte volte finche' i guardiani un giorno decidono di costruire una palizzata molto alta. Ma il canguro durante la notte scappa nuovamente. Allora i guardiani decidono di aumentare l'altezza dello steccato da 2 a 3 metri. Ma il giorno dopo il canguro e' di nuovo scappato. I guardiani allora aumentare l'altezza a 4 metri, ma il giorno dopo il canguro e' scappato di nuovo. Un gruppo di scimmie osserva la scena per diversi giorni e alla fine una chiede all'altra: "Ma secondo te quanto deve essere alta la staccionata?". E l'altra: "Anche 100 metri se non si decidono a chiudere il portone di ingresso!".

 

Il toro e il leprottino

Una lepre ferita sta' cercando di mettersi in salvo dal cacciatore, e si va a rifugiare sotto le gambe di un toro gigantesco.Il toro come la vede con aria sbruffolegna gli dice:"CHE HAI, BEL CONIGLIETTO!!!La lepre gli fa:"EH!!!UN CACCIATORE DI MI HA SPARATO E SONO FERITO!!!il toro ancora con aria da sbruffone replica:"UH!!!E TU CON QUELLE ORECCHIE COSI' GRANDI POSSIBILE CHE NON HAI SENTITO IL PERICOLO? La lepre alza la testa guarda in su e gli dice:"E TU CON QUELLE PALLE COSI' GRANDI POSSIBILE CHE PORTI LE CORNA!!!!!!!!!!!!!!!!

 

Un sms alla mamma

Una donna aveva tre figlie.
Il giorno del loro matrimonio chiese ad ognuna di loro
di inviarLe un messaggio SMS per raccontarLe come andava la loro vita sessuale.

La prima inviò un SMS due giorni dopo il matrimonio.
Una sola parola: "Nescafè".
La mamma inizialmente confusa notò una pubblicità del
Nescafè su un giornale:
"Soddisfazione fino all'ultima goccia."
Così la mamma fu felice.

Poi si sposò la seconda figlia e dopo una settimana
inviò un SMS alla madre.
C'era una sola frase: "Benson & Hedges".
La madre cercò la pubblicità delle sigarette Benson &
Hedges e trovò:
"Extra long, King size".
E fu felice.

La terza figlia si sposò e ci vollero quattro
settimane prima che il messaggio arrivasse.
Il testo diceva: "British Airways".
La madre si preoccupò. Guardò freneticamente il
giornale cercando la pubblicità della linea aerea.
Finalmente la trovò e svenne!
Diceva così:
"tre volte al giorno, sette giorni alla settimana, in tutte le direzioni"


ARRIVA IL SALUMIERE

"MAMMA MAMMA E' ARRIVATO IL SALUMIERE CON LA SPESA....

HAI I SOLDI O DEVO ANDARE A GIOCARE IN GIARDINO ANCHE OGGI?"


Una signora e la sua bambina

Una signora, assai distinta, scopre che la sua bambina di pochi anni dice le parolacce. Si informa presso la figlia e la bambina le confessa che gliele ha insegnate una sua compagna di asilo. La madre piu' tardi ai giardini, dove la piccola sta giocando, le si avvicina e le dice: "Senti ... tu non devi piu' dire quelle brutte parole...". "E tu", la interrompe la bambina, "tu come fai a sapere che le dico?". "Beh! Me l'hanno detto gli uccellini ...". "Oh, porca vacca! E io, a quei bastardi figli di puttana, gli do pure da mangiare!".

JSN Megazine template designed by JoomlaShine.com
Licenza Creative Commons
Ridichetipassa is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.