LA SPESA AL SUPERMERCATO

Procedura per l'uomo medio:

1. Entra a colpo sicuro nelle porte automatiche scorrevoli.
2. Ruba un carrello alla prima donna in catalessi davanti ad una vetrina.
3. Segue le indicazioni delle frecce per il supermercato.
4. Legge la lista della spesa (che comprende cinque voci, di cui le prime tre sono patatine, birra e cioccolata).
5. Mette nel carrello la metà delle spese elencate nella lista.
6. Raggiunge le casse.
7. Paga.
8. Esce.

Procedura per la donna media:

[NB: si è volutamente tralasciata la lunga parte relativa al trucco e alla cerimonia di vestizione stile "devo andare a un gala"...]
1. Vuole entrare a tutti i costi dalle uniche porte scorrevoli non funzionanti...
2. Segue il primo uomo che arriva imitando da che parte entra.
3. Ingaggia una lotta col fango con altre tre donne che hanno avvistato il medesimo carrello.
4. Trova la prima superficie riflettente e si dà una sistemata: controlla stato dei graffi sul viso, messa in piega, si cambia la camicia strappata.
5. Segue le indicazioni per la gioielleria.
6. Si ferma per dieci minuti davanti alle vetrine in rispettoso silenzio.
7. Esce dalla trance e segue le frecce "Calzature e borse".
8. Entra nel negozio.
9. Prova tutti i modelli di scarpe e borse disponibili (anche i numeri non suoi).
10. Non acquista niente e si lascia alle spalle una montagna di scatole aperte (e un commesso in lacrime).
11. Esce.
12. Segue le indicazioni "Abbigliamento".
13. Si tiene in allenamento squadrando da cima a fondo tutti i difetti delle altre donne: le boccia regolarmente tutte ("La minigonna alla sua età!", "Che vacca!", "Non ha stile!", "Ma quanto è truccata!", ecc.).
14. Pausa per incipriamento naso.
15. Intravede la vetrina delle pellicce.
16. Si auto-convince psicologicamente a superare la vetrina (anche perché è luglio).
17. Avvista la profumeria.
18. Entra.
19. Riesce ad acquistare a caso profumi, gel anticellulite, rossetti di colori mai uditi prima, fard, fondotinta e altri accessori in offerta.
20. Richiede, insieme agli acquisti, campioncini gratuiti di varia e indispensabile utilità.
21. Paga con la carta di credito (del marito).
22. Esce.
23. Si appropinqua a un altro negozio di abbigliamento.
24. Entra.
25. Trance.
26. Per essere sicura di vedere bene i colori si fa accompagnare fuori alla luce del sole almeno trenta volte.
27. Si impietosisce solo a seguito di collasso con stramazzamento al suolo della persona che la sta servendo nel negozio, capisce che è il caso di acquistare qualcosa e si presenta alla cassa con un paio di collant.
28. Esce.
29. Torna indietro perché ha lasciato sul bancone il resto.
30. Segue le frecce "Alimentari".
31. Entra con il fiatone nel reparto perché leggermente in ritardo...
32. Punta come un missile patriot sul bersaglio: le offerte (paghi quattro prendi due...).
33. Mette nel carrello tutto quello che ci entra e/o che luccica e/o che reca la scritta "offerta".
34. Paragona i prezzi di prodotti diversi (zucchine col detersivo, ecc.).
35. Mette nel carrello quello scaduto.
36. Con la scusa di acquistare dei Findus infila la testa nel freezer.
37. Prestando attenzione a non incollarsi le labbra su qualche surgelato riesce a rinnovare il rossetto sulle labbra.
38. Raggiunge le casse.
39. Paga e trasale.
40. Esce.
41. Si avvia fuori dal centro commerciale allo spegnimento delle ultime luci.
42. Cerca disperatamente dove ha lasciato la propria vettura, percorrendo il parcheggio semideserto per quattro volte.
43. Avvista l'auto dopo esserci passata davanti solo due volte.
44. Parte di gran carriera alla volta della propria abitazione prima che la famiglia sporga denuncia.
45. Fa retromarcia e recupera le borse della spesa.
46. Finalmente riparte

Un carabiniere e la ferrari

Un carabiniere vince 8 miliardi al lotto e decide di comprarsi il sogno della sua vita: una Ferrari F50. Qualche giorno dopo un poliziotto in autostrada lo vede mentre spinge la sua super auto. Il poliziotto si ferma e gli chiede se e' in panne, e lui gli risponde: "No, no... E' nuova di zecca. Solo che quando l'ho ritirata mi hanno detto di non superare i 50 all'ora in citta' e di spingerla un po' in autostrada...".


Il fonogramma ai carabinieri

FONOGRAMMA: "Da  Ministero Interno Servizio Protezione Civile at Comando Stazione Carabinieri Roccalimbuto": 1)  Urgono notizie presunto sisma sospetto epicentro vostra zona;  2) Calcolare danni provocati da movimento tellurico et controllare scala Mercalli;  3) rispondere stesso mezzo riportando gradi esatti”. RISPOSTA: Stazione Carabinieri di Roccalimbuto: Identificato presunto Sisma. Trattasi di tale Sisma Giuseppe fu Gaetano - STOP - Per quanto riguarda epicentro non risulta nel nostro elenco anagrafico ne’ in quello dei comuni vicini. Puo’ trattarsi vostro errore battitura o di Bepi Centro figlio del nostro caro concittadino Pasquale Centro Maestro elementare - STOP - Il movimento tellurico non ha provocato nessun danno perche’ questa locale stazione tiene sotto controllo tutti i movimenti politici et sindacali - STOP - Il sig. Mercalli non ha controllato la scala - E' caduto et si e’ rotto gamba - STOP - Per noi carabinieri i gradi sono gli stessi di prima: Io Appuntato et mio collega carabiniere semplice - STOP - Infine ci scusiamo per non aver risposto prima perche’ qui c’e’ stato un terremoto della madonna - STOP.


Posto di blocco dei carabinieri

Siamo in Sicilia, un automobilista vede dei carabinieri ad un posto di blocco che mettono il dito nei serbatoi delle auto e poi se lo leccano. Ma che cosa state facendo dice l'automobilista ai carabinieri e i carabinieri, gli ordini sono chiari, dobbiamo fermare tutte le macchine che vanno a Marsala.


Un carabiniere legge il giornale

Un carabiniere legge sul giornale: "Ogni cinque bambini nati nel mondo, uno e' cinese". E il carabiniere rivolgendosi alla moglie: "Maria, siamo fortunati: abbiamo avuto otto figli e nessuno di loro e' cinese".


Concorso nella foresta

 

Gli animali della foresta sono annoiati, non succede mai nulla. Allora, per passare il tempo, decidono di organizzare una gara di barzellette. Per evitare i noiosi principianti, inseriscono una clausola crudele: il giudice unico sarà la tartaruga. Se la tartaruga non riderà, il concorrente sarà decapitato. La scimmia è il primo coraggioso concorrente, e racconta una barzelletta sulle monache che fa ridere a crepapelle tutti i convenuti, eccetto la tartaruga. E la decapitano. Poi è la volta del leone, che racconta una barzelletta sugli ubriachi. Di nuovo, tutti ridono tranne la tartaruga e il leone perde la testa. Poi arriva l'elefante. Quando arriva a metà della barzelletta, si sente la tartaruga che inizia a ridere a crepapelle mentre grida: "Ha ha ha, quella delle monache era bellissima!!!"

 

Un pipistrello cammina a zig zag

Un pipistrello, coperto di sangue, ritorna con andatura a zig zag alla sua grotta e si posa per riprendere fiato. Gli altri pipistrelli, risvegliati dall'odore del sangue, lo stressano per sapere dove ha trovato tanto sangue."No! Lasciatemi dormire!" geme il vampiro insanguinato "No! No! Dicci dove hai trovato tutto questo sangue!" urlano gli altri pipistrelli. Il pipistrello allore cede e dice agli altri di seguirlo. Dopo dieci minuti di volo silenzioso nella notte, si avvicinano in una valle e poi dentro una foresta. A quel punto il pipistrello insanguinato dice:"Ci siamo! Vedete quell'albero laggiù?" "Si!!" dicono gli altri con la bava alla bocca... "Ecco, non l'ho visto....

 

Puzzola in camera

Un ragazzino torna casa con una puzzola. La madre quando la vede gli chiede " ma dove credi di tenere quella puzzola? E il ragazzo gli risponde nella mia camera. E la madre continua e come farai con la sua puzza?. E lui gli risponde ma è lei che si deve abituare alla mia!!!!!!!!!!!!!!

 

I genitori tornano dalla Maternità

I genitori tornano dalla Maternità con la nuova sorellina, appena nata.
Il fratellino più grande che coleva un fratellino, alza la copertina, la guarda, storce il naso e poi sbotta: "Lo scontrino, l'avete conservato?"


Il giorno del suo compleanno

Un bimbo non dice una parola fino ai tre anni. Il giorno del suo compleanno il bambino strilla:  "NONNO!". Tutta la famiglia comincia a strillare di gioia, festeggia, canti balli, ...Il giorno dopo muore il nonno. La famiglia cade nello sconforto.. pero' il bimbo ha parlato.. in fondo il nonno era vecchio... Passa un anno esatto, e il giorno del 4^ compleanno il bimbo strilla:  "ZIO!".  Tutta la famiglia torna ad esultare, festa grande... Il giorno dopo muore lo zio. La famiglia comincia a pensare alla coincidenza, ma in fondo e' felice perche' il bimbo ha parlato. Passa un anno esatto, e il giorno del 5^ compleanno il bimbo strilla:  "BABBO!".  Il giorno dopo muore il vicino di casa!

La prima volta

Ricordo la prima volta che sono andato a prendere una ragazza.

Suo padre mi disse:"Fai in modo di accompagnare mia figlia a casa prima di mezzanotte"

"Non si preoccupi", dissi io "Se mi accorgo che non batto chiodo... la riporto a casa per le dieci".


JSN Megazine template designed by JoomlaShine.com
Licenza Creative Commons
Ridichetipassa is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.