Un granchio fa una corte a una sardina

Un granchio fa una corte spietata a una sardina, ma questa resiste con ostinazione. "Non accettero' mai la corte di uno che cammina di sghimbescio come fai tu. A me piace chi cammina dritto". Il granchio ce la mette tutta e, facendo sforzi terribili, riesce a presentarsi una sera alla sardina camminando dritto come un fuso. La sardina, sconvolta, cede e per la coppia felice segue una folle notte d'amore. Ma la mattina dopo, lei vede il granchio allontanarsi camminando di sghimbescio e, furiosa, gli grida dietro: "Ricominci a camminare di traverso? Vigliacco. Non mi ami già più". "Ma si' che ti amo" risponde lui. "Solo che non posso ubriacarmi in continuazione".

 

La maestra e il tema

 

La maestra: "Michele, come mai il tuo tema sul cane è esattamente uguale a quello di tuo fratello? Forse perché lo hai copiato?"
Michele risponde: "No, maestra. Si tratta proprio dello stesso cane!"


Si investono sempre più soldi nella ricerca sul viagra

Si investono sempre più soldi nella ricerca sul viagra e non sul morbo di Alzheimer.

Fra 20 anni avremo membri durissimi ma non ci ricorderemo più dove metterli!


VECCHIETTA INTRAPRENDENTE

UN LADRO FERMA UNA VECCHIETTA... INIZIA A FRUGARE NELLA BORSA,NEL REGGISENO, NELLE MUTANDE... MA NON HAI UN EURO !!!

NO MA SE CONTINUI TI FACCIO UN' ASSEGNO !!!



L'infermiera esperta

Un signore aveva un grande problema, quello di possedere un pisello lungo piu’ di un metro. Tutto cio' ovviamente gli comportava seri problemi. Non potendo piu' sopportare il peso del suo fardello decise di ricorrere alla chirurgia. Giunto in sala operatoria gia' addormentato, un dottore esclamo': "Ma quanto lo dobbiamo accorciare?". "Porco Giuda! Non glielo abbiamo chiesto!". Decidono cosi' di affidarsi al parere di una donna, e decidono di chiamare un'infermiera per un "consiglio" sulle dimensioni. Giunta in sala, l'infermiera squadra il paziente ed esclama: "Ma non si potrebbero allungare le gambe?".


Due anziani signori parlano sulla panchina

Due anziani signori parlano sulla panchina di un parco.
"Hai visto Gennaro!? Si è messo il by-pass!"
"E ha fatto bene! Quando arrivi al casello non trovi mai gli spiccioli!"


Una signora e' nell'ambulatorio del suo medico

Una signora e' nell'ambulatorio del suo medico e improvvisamente fa: "Dottore, mi baci!!". Il dottore la guarda e risponde: "E' contro la mia etica professionale". Un 20 minuti dopo, la signora fa ancora: "Dottore, per favore mi baci!!!". Il dottore: "Come medico non posso baciarla, cerchi di capire". Passa un altro quarto d'ora e la donna riprende "Dottore, dottore, mi dai almeno un bacio, un bacio solo!!!!". "Mi spiace" fa lui "Per deontologia professionale NON POSSO baciarla!! In effetti, forse, non dovrei neanche essere qui a scopare con lei...."

Il genio della lampada

Un dirigente, un venditore e un’impiegata amministrativa stanno andando a pranzo quando trovano un'antica lampada ad olio.
La sfregano e compare 1 Genio in una nuvola di fumo. Il Genio dice:
- "Solitamente esaudisco 3 desideri perciò ne consentirò solo uno a ciascuno di voi".
- "Prima io! Prima io!" dice l'impiegata "voglio stare alle Bahamas, guidare un motoscafo veloce e senza nessun problema al mondo" e subito sparisce in un lampo.
Allora il venditore sbigottito:
- “Tocca a me! Tocca a me!” dice "voglio stare alle Hawaii, in relax sulla spiaggia con la mia massaggiatrice personale, una fornitura infinita di 'pina colada' e l'amore di mia moglie" e subito svanisce.
Poi il Genio si rivolge al dirigente: "O.K. e il tuo turno"
e il manager dice: “Voglio quei due indietro in ufficio subito dopo pranzato!”

MORALE: Lasciate SEMPRE la prima parola al vostro CAPO.

.


La visita al nonno

Un uomo decide di fare una visita al nonno di 90 anni. Parte di buon'ora al mattino, intenzionato a fermarsi un'intera giornata a casa sua. Durante la colazione a base di uova e pancetta affumicata che il nonno ha preparato per lui, nota nel suo piatto una specie di sottile pellicola. Cosi' chiede: "Nonno, sono puliti questi piatti?". Il nonno risponde: "Questi piatti sono puliti come l'acqua fresca li puo' pulire, continua e finisci la colazione". Nel pomeriggio, mentre sta mangiando degli hamburger che il nonno gli ha preparato per pranzo, osserva delle piccole macchioline nere nell'orlo del suo piatto, cosi' di nuovo chiede: "Nonno sei sicuro che questi piatti siano puliti?". Senza alzare lo sguardo dal suo hamburger, il nonno risponde, "Ti ho gia' detto che questi piatti sono puliti come l'acqua fresca li puo' pulire, basta non chiedermelo piu' ". Sul finire del giorno, dopo aver cenato e salutato il nonno, l'uomo si appresta a partire. Pero' nel momento in cui si trova davanti alla porta, il cane del nonno, che fino a quel momento era sdraiato sul pavimento, si alza e comincia a ringhiare impedendo all'uomo di uscire. Lui esclama: "Nonno, il tuo cane non vuole lasciarmi uscire". Senza distrarre la sua attenzione dalla partita di football che sta guardando alla televisione, il nonno grida: "Acqua Fresca" spostati e fai passare mio nipote!".


La nonna e i tre uccelli della nuora

Ora di cena...al tavolo, il padre, la madre con i tre figli e un pò in disparte la nonna che si dondola Allorchè, uno dei tre figli chiede alla madre... Mamma ma io come sono nato??? e la mamma imbarazzatissima...Un giorno una grande aquila ha lasciato un fagotto nella finestra ed eri tu!!! La nonna, sentita la frase, alza il sopracciglio destro. Dopo un pò interviene nella discussione, incuriosito, il secondo figlio... Mamma, ed io come sono nato ??? Bé... un giorno una grande fenice ha lasciato un fagotto nella finestra ed eri tu !!! E la nonna alza il sopracciglio sinistro, sempre più stupita. Nella discussione interviene anche il terzo figlio... Mamma, ed io ??? Un giorno una grande cicogna ha lasciato un fagotto nella finestra ed eri tu !!! Allora la nonna smette di dondolare e dice... Lo sapevo che erano tre uccelli diversi !!!



Un tizio telefona al suo avvocato


Un tizio telefona all'ufficio del suo avvocato e dice: "Vorrei parlare coll'avvocato". La segretaria risponde: "Son desolata, ma l'avvocato e' morto la settimana scorsa". Il giorno dopo il tizio richiama e fa la stessa domanda. La segretaria risponde: "Come le ho gia' detto ieri, l'avvocato e' morto una settimana fa". Il giorno seguente il tizio ritelefona allo studio e chiede di parlare coll'avvocato. La segretaria che ne ha abbastanza di questo tizio e le sue telefonate, gli dice: "Le ho gia' detto diverse volte che l'avvocato e' morto una settimana fa! Vuol dirmi perche' continua a telefonarmi?". E lui: "Perche' la notizia mi fa enorme piacere".

Un bacio all'infermiera

Il paziente: "Infermiera mi dia un bacio". L'infermiera: "No". Il paziente: "La prego infermiera, mi dia un bacio". "No di certo". "Infermiera, andiamo, solo un bacio". "Veramente non dovrei nemmeno essere a letto con lei".

Il tranquillante del dottore

"Dottore, "dice un tipo, "il tranquillante che lei ha prescritto a mia moglie è formidabile. Tempo fa, invece, era talmente tesa che non riuscivo nemmeno a fare l'amore con lei." "E adesso?" "Adesso ci riesce tutto il paese."

Un processo per corruzione


Durante un processo per corruzione politica, il pubblico ministero interroga il testimone: "Ci vuole confermare che Lei ricevette una consistente mazzetta allo scopo di intralciare le indagini?". Il testimone rimane con lo sguardo perso e si mantiene in silenzio. Allora il P.M. credendo che non lo avesse ascoltato ripete: "Non ci vuole confermare che Lei ricevette una consistente mazzetta allo scopo di intralciare le indagini?". Il testimone segue con lo sguardo perso nel vuoto ed in rigoroso silenzio. Finalmente interviene il giudice, rivolgendosi al testimone: "Per favore, risponda alla domanda!". "Oh, chiedo scusa, credevo che l'avvocato si rivolgesse a Lei, signor giudice".


Un infermiera in sala operatoria


 

In sala operatoria. Medico: "Infermiera avanti con l'anestesia locale". Infermiera rovistando nell'armadio: "Uhm...di locale non ne abbiamo, abbiamo solo anestesia fabbricata in Germania".


Il lavoro che sognavo

C'era un tizio il quale, in gioventù, desiderava più di ogni altra cosa diventare un grande scrittore. Quando qualcuno gli chiedeva di definire il termine "grande" rispondeva: "Voglio scrivere roba che il mondo intero legga, roba che faccia reagire la gente a livello emotivo, roba che li faccia urlare, piangere, tremare di rabbia e di dolore". Pare abbia raggiunto il suo scopo. Attualmente lavora per Microsoft, è il redattore dei messaggi di errore.


La bella cameriera

"Quel signore al tavolo 6", dice il titolare del ristorante alla cameriera, "ha bevuto troppo e sta dormendo, per favore sveglialo: è ora di chiudere!"
"Signore, l'ho già svegliato quattro volte!"
"Perché allora non lo hai mandato via?"
"Perché tutte le volte mi chiede il conto e mi lascia dieci euro di mancia!"


Le leggi per i programmatori di computer


1 "Qualsiasi programma, quando funziona, e' obsoleto".

2 " Qualsiasi nuova versione di un programma costa di piu' e ci mette di piu'".

3 "Se un programma e' utile, dovra' essere cambiato".

4. Se un programma e' inutile, dovra' essere documentato.

5. Ogni programma si espandera' fino ad occupare tutta la memoria disponibile.

6. Il valore di un programma e' proporzionale all'ingombro del suo output.

7.  La complessita' di un programma si arresta dopo aver oltrepassato le capacita' del programmatore.


Il lavoro del toro

In un paesino montano del lombardo c'è solo un toro, di proprietà di un contadino, e tutti devono pagare questo contadino per far coprire le loro vacche dal toro.
Un giorno, in consiglio comunale, si vota di comprare il toro del contadino e farne un bene pubblico.
Tirando il prezzo per giorni, riescono alla fine a comprare il toro dal contadino. Però, quando si tratta di montare le vacche,
il toro non sembra interessato, zero.
Disperati, i contadini e il sindaco vanno dal vecchio padrone del toro e gli chiedono come mai non voglia più fare niente.
Questi se ne va a vedere il toro, e lo trova nel suo recinto che bruca tranquillo.
"Ehi, toro" gli dice "Perché non fai più il tuo dovere?"
E il toro gli dice: "Fossi matto, adesso sono un impiegato del comune!"


Venditore di aspirapolveri

Un venditore di aspirapolveri aveva un metodo infallibile per piazzare la sua merce. Si presentava alla casa del possibile acquirente e spargeva per tutta la casa vari sacchi di segatura e poi diceva: "Se rimane un solo granello di segatura ripulisco la casa con la lingua". E cosi' faceva affari a bizzeffe. Un giorno si presenta alla casa di un contadino, sparge tutta la segatura per ogni dove e declama la solita frase. Il contadino lo guarda perplesso e poi esclama: "Adesso voglio proprio vedere come fai che qui la luce non e' ancora arrivata
 

Una ragazza di campagna

Una ragazza di campagna e' appoggiata al recinto dei tori quando arriva una macchina, ne scende un signore che le dice: "Vorrei parlare con tuo padre!". "Mio padre e' impegnato, ma se le interessa un toro posso dirle io i prezzi. Quello con albero genealogico e garanzia del risultato costa 500 euro, quello con garanzia del risultato, ma senza albero genealogico 250 euro e quello senza garanzia e senza albero 100 euro". "Io voglio parlare con tuo padre perché tuo fratello ha messo incinta mia figlia". "Allora temo proprio che dovrete aspettare mio padre, perché il prezzo di mio fratello non lo conosco".


Il travestimento del carabiniere

Tre carabinieri devono passare un esame di travestimento. Dicono al primo: "Entri in quella stanza, si travesta e aspetti".  Il carabiniere entra nella stanza, che e' completamente vuota a parte un sacco per terra. Entra nel sacco e aspetta. L'esaminatore entra, da' un calcio al sacco, e il carabiniere: "Miao, miao!".  "Bravo, promosso". Il secondo carabiniere entra nella stanza, entra nel sacco. L'esaminatore tira un altro calcio, e il carabiniere: "Miao, miao!" "Promosso!". Il terzo entra nel sacco. L'esaminatore gli da' un calcio, ma non sente niente. Gliene da' un altro, piu' forte. Niente. Un altro ancora. Allora si sente il carabiniere che dice "...patate...patate...".


Il carabiniere innamorato

Il carabiniere innamorato va dal padre della sua bella e dice: “Signore, vengo a chiederle la mano di sua figlia”

“Quale – l’interrompe l’altro – la grande o la piccola?”
“Beh – risponde il carabiniere – non mi ero neanche accorto che avesse una mano più grande dell’altra…”


La bimba e la caramellina

Una bambina fa saltellare in mano una pallina e canta ...
“Io ho la caramellina! Io ho la caramellina! Io ho la caramellina!”
Il fratello arriva da dietro ... agguanta la caramella al volo e la mangia ...
“Adesso non ce l'hai piùùù ...”
La piccola ... senza scomporsi ... si mette un dito nel naso ...
“E io me ne faccio un'altra ...”


Una signora e la sua bambina

Una signora, assai distinta, scopre che la sua bambina di pochi anni dice le parolacce. Si informa presso la figlia e la bambina le confessa che gliele ha insegnate una sua compagna di asilo. La madre piu' tardi ai giardini, dove la piccola sta giocando, le si avvicina e le dice: "Senti ... tu non devi piu' dire quelle brutte parole...". "E tu", la interrompe la bambina, "tu come fai a sapere che le dico?". "Beh! Me l'hanno detto gli uccellini ...". "Oh, porca vacca! E io, a quei bastardi figli di puttana, gli do pure da mangiare!".

Due vecchiette sono sedute in chiesa


Due vecchiette sono sedute in chiesa. La funzione è particolarmente lunga. Una delle due si lamenta:

"Mi si è addormentato il sedere!"

E l'altra: "Lo so, l'ho già sentito russare tre volte!"


Il vecchietto e il Ninja

In un normalissimo bar un vecchio sta bevendo il suo bicchiere di vino quotidiano quando urlando fa irruzione un Ninja e picchia in testa il vecchietto con l' elsa della spada .Il vecchietto per il colpo sviene. Il Ninja allora si rivolge al barista e gli dice :"Barista quando si sveglia digli che l'ho colpito con una spada del 700". Piu' tardi il barista riferisce l'accaduto al vecchio.Il giorno dopo il Ninja ritorna urlando nel bar e colpisce nuovamente il vecchietto. "Barista", dice il Ninja, "Quando si sveglia digli che l'ho colpito con una spada del 600" .Di nuovo il barista riferisce il messaggio del Ninja . Il terzo giorno il Ninja irrompe urlando nel bar ma non vede il vecchietto , questo gli arriva alle spalle e lo colpisce duramente, poi dice al barista: "Barista quando si sveglia, se si sveglia, digli che l'ho colpito con il cric della 500"


Una vecchietta maliziosa

Un culturista, guardandosi allo specchio, si accorge che è abbronzato dappertutto meno che sul pisello.
Decide allora di rimediare e va alla spiaggia, si sotterra completamente lasciando esposto solo il membro.
Passano lì vicino due vecchiette e una, con aria disgustata, dice "Non c'è proprio giustizia, a questo mondo!"
L'altra, perplessa, le chiede cosa mai le preso e lei risponde: "A 10 anni mi faceva paura, a 20 mi incuriosiva, a 30 me lo godevo, a 40 lo chiedevo, a 50 me lo compravo, a 60 lo imploravo, a 70 me lo sono scordato, e adesso che ho 80 anni 'sti bastardi crescono spontanei!


Un uomo anziano si reca dal medico

Un uomo anziano si reca dal medico perchè gli duole la gamba sinistra. “Non deve preoccuparsi. La gamba le fa male per via dell’età” gli spiega il dottore. E l’anziano: “Impossibile. La gamba destra ha la stessa età, eppure non mi fa male!” .

Due vecchietti si incontrano al bar

Due vecchietti si incontrano al bar.

- Gino: "Senti Pino ma tu quando fai l'amore lo metti il preservativo?"

- Pino: "Ma Sei Matto? Un altro peso??


JSN Megazine template designed by JoomlaShine.com
Licenza Creative Commons
Ridichetipassa is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License.