È diventato virale il post di una mamma che ha scelto di ritirare la figlia di tre anni dall’asilo. Il motivo? Le maestre la tenevano in braccio e la coccolavano, ma la piccola odia le coccole. Questo la portava di conseguenza anche ad odiare l’asilo in sé. Sophea Manzl ha raccontato quanto successo: “A mia figlia non è mai piaciuto essere toccata. Non è il tipo di bambina con cui ci si può addormentare o accoccolare sul divano. E soprattutto non sopporta che altre persone le facciano le coccole o cerchino di toccarla. ‘Io coccolo solo la mamma, il papà e la tata’, è quello che mi dice sempre ora che ha tre anni”. 

Nel momento in cui ha iniziato a frequentare l’asilo, ha spiegato la situazione alle maestre, invitandole a non coccolarla o tenerla in braccio: “Ho dato loro un elenco di altri strumenti che potevano usare per aiutarla a sentirsi al sicuro. Il suo giocattolo preferito. Un posto tranquillo in un angolo da sola. Leggere un libro. Un po’ di spazio e di tempo, in modo che possa avvicinarsi quando è pronta”. Tuttavia questo non è servito perché le maestre non hanno seguito i suoi suggerimenti: “Non dimenticherò mai di aver visto l’insegnante prendere in braccio la mia bambina di tre anni e cercare di abbracciarla. La mia bambina era fuori di sé. Urlava. Terrorizzata. Scalciava”. 

 

 

Di qui la furia della mamma: “Avevo chiesto espressamente di non farlo e sono andati contro la nostra volontà. All’epoca ho cercato di essere comprensiva e ho fatto finta di niente. Ne ho parlato di nuovo con la direttrice e ho detto chiaramente all’insegnante di non farlo più. Tuttavia, le volte successive che siamo entrati, hanno continuato. Lei piangeva e io dovevo ricordarglielo”. Nonostante ciò, la donna ha provato a temporeggiare, ascoltando chi le diceva che ci voleva solo del tempo per ambientarsi.

Poi, però, la confessione della figlia: “Circa un mese dopo mi ha detto: ‘Non mi piace la mia mamma insegnante. Non mi piace quando mi coccolano’. Mi colpì come una tonnellata di mattoni. Era terrorizzata dall’idea di andarci e aveva un’ansia terribile ogni volta che ci andavamo. Mi si è spezzato il cuore. Così l’ho tolta dall’asilo. È stato il mio istinto. Sono andata contro quello che tutti intorno a me dicevano. Sono molto contenta di averlo fatto”. 

 

 

Alcuni mesi dopo, la piccola ha iniziato un nuovo asilo, preceduto dalle raccomandazioni della mamma agli insegnanti: “Sono stati incredibili. Le hanno preparato uno spazio tranquillo e confortevole con cuscini, libri e nessun’altra persona. L’hanno lasciata stare a guardare fino a quando non si è sentita a suo agio per partecipare alle attività. Mi hanno permesso di stare in giro quanto necessario. Hanno anche letto a mia figlia un libro su un altro bambino a cui non piace essere toccato. Dopo un paio di settimane nella sua nuova scuola materna, è tornata a casa e ha detto: ‘Mi piacciono le mie maestre, sanno che non mi piacciono gli abbracci’. Si sente al sicuro e questa è la cosa più importante per me. È una bambina completamente nuova e si gode le sue giornate, si fa degli amici e non piange mai”.

 

Un maresciallo dei carabinieri dà ordini

Un maresciallo dei carabinieri dà ordini: "Tutti a piedi nel bosco a tagliare la legna". Un appuntato: "Maresciallo, io prendo la motosega". E il maresciallo: "Ho detto tutti a piedi !!"

I carabinieri e la natura

Dialogo tra due appuntati dei carabinieri. Il primo spiega al secondo come la Natura a volte ricompensi i difetti delle persone. "Per esempio, se un uomo è sordo, può avere una vista eccellente; se uno è cieco, di solito ha un olfatto finissimo". "Penso di aver capito cosa intendi", dice il secondo, "Ho spesso notato che se un uomo ha una gamba corta, allora l'altra è più lunga!"


Un carabiniere rientra prima dal lavoro

C'è un carabiniere che rientra prima dal lavoro per un cambiamento di turno.Dato che non vede alcuna luce acasa sua, pensa che sua moglie stia dormendo. Non volendola svegliare, entra senza far rumore nella camera da letto, si spoglia e si accinge ad entrare nel letto. e'in quel momento che sua moglie si siede sul letto e gli dice con una voce assonnata:"Caro, potresti andare in farmacia di guardia a prendermi dei sonniferi? Stasera non sono riuscita a prendere sonno e in casa non ne abbiamo più" " Certo amore mio" risponde il poliziotto; prende la sua uniforme da terra, se la infila ed esce di casa. entrando nella farmacia il farmacista lo guarda sorpreso e gli dice:"Buongiorno signore. Mi scusi la domanda ma mi sembrava che le fosse un carabiniere. Ha cambiato lavoro?" "No, perché?" risponde il carabiniere,"Allora perché indossate l'uniforme da pompiere?"


Un carabiniere ferma due signore

Un carabiniere ferma due signore su un'auto per dei controlli: "Patente e libretto per favore". La signora alla guida gli porge i documenti. Dopo una veloce lettura il carabiniere chiede alle signore: "Chi di voi e' Fulvia Coupe?".


L'esame dell'appuntato

Un appuntato dei carabinieri deve fare un esame per passare al grado superiore: la sua carriera e' stata impeccabile, mai un richiamo, questa carica gli spetterebbe di diritto, ma la prassi vuole cosi'. Allora un po' preoccupato si rivolge ad un colonnello, pregandolo di fargli una segnalazione all'ufficiale che dovra' esaminarlo, il quale gli risponde: "Vai tranquillo Caiazzo, sara' una passeggiata di salute!". Cosi' arriva il giorno dell'esame, si presenta con l'alta uniforme, e quando viene il suo turno viene interrogato dal generale: "Ah Caiazzo, bene una domandina facile facile, mi faccia un rombo". "Un rombo?!?". "Si', che ci vuole? Un rombo!!". Caiazzo ci pensa su e poi: "BRUM, BRUMM, BRUUMMMM!". "Ma vada fuoriii, IGNORANTE!". L'indomani Caiazzo va subito dal colonello che doveva raccomandarlo, chiedendo spiegazioni, e questi: "Cretino, ma come e' possibile: il generale ti chiede di fargli un rombo, e tu gliene hai fatti tre?".


Due mamme si incontrano

Due mamme si incontrano e tra un discorso e l'altro parlano anche dei loro figli:-

"Mio figlio ha scoperto che cosa vorrà fare da grande!"- "Davvero?? E cosa?"- "Il musicista! Non fà altro che prendere note!"


Lettera alla mamma


Una madre entra nella camera della figlia e la trova vuota con una lettera sul letto; presagendo il peggio, apre la lettera e legge quanto segue:

Cara mamma, mi dispiace molto doverti dire che me ne sono andata col mio nuovo ragazzo. Ho trovato il vero amore e lui, dovresti vederlo, è così carino con tutti i suoi tatuaggi, il piercing e quella sua grossa moto veloce. Ma non è tutto, mamma: finalmente sono incinta e Abdul dice che staremo benissimo nella sua roulotte in mezzo ai boschi. Lui vuole avere tanti altri bambini e questo è anche il mio sogno. E dato che ho scoperto che la marijuana non fa male, noi la coltiveremo anche per i nostri amici, quando non avranno la cocaina e l'ecstasy di cui hanno bisogno. Nel frattempo spero che la scienza trovi una cura per l'AIDS così Abdul potrà stare un po' meglio: se lo merita!
Non preoccuparti mamma, ho già 15 anni e so badare a me stessa. Spero di venire a trovarti presto così potrai conoscere i tuoi nipotini. La tua adorata bambina”

P.S.
tutte balle, mamma! Sono dai vicini.
Volevo solo dirti che nella vita ci sono cose peggiori della pagella che ti ho lasciato sul comodino.

Ti voglio bene!


Il carabiniere pescatore

Una domenica mattina un carabiniere vede il suo collega Fulgenzio, appassionato pescatore e gli chiede: "Fulgenzio, perché non sei andato a pesca quest'oggi?". "Perché tanto non avrei preso niente". "Come fai a saperlo?". "Ho letto l'oroscopo di oggi che diceva:«Giornata fortunata per i pesci»".


Il carabiniere e la prostituta

Un giovane carabiniere bussa alla porta di una nota casa dove lavora una prostituta. L'avvenente signora apre e chiede per la prestazione 100 euro. Il giovane carabiniere risponde: "E' troppo per me, ti prego fammi uno sconto!".
La signora: "OK visto che sei giovane e carino facciamo 50 euro".
Il carabiniere: "Mi sono appena arruolato; e' troppo" e la signora via via sconta fino ad arrivare a 10 euro, allorche' il giovane carabiniere dichiara che e' ancora troppo e lei di rimando: "Ma quanto hai in tasca?" e il carabiniere: "Ho 5 euro!". Indignata la prostituta ribatte: "Con 5 euro puoi andarti a fare una sega" e gli sbatte la porta in faccia. Dopo 10 minuti la signora sente nuovamente bussare ed aprendo la porta trova il carabiniere un po' affaticato che gli porge 5 euro e se ne va.


JSN Megazine template designed by JoomlaShine.com
Licenza Creative Commons
Ridichetipassa is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported License. dy>